parliamo di base viso

 

stendere-la-base

 

Ciao a tutte! Oggi in questo nuovo articolo, parliamo di base viso.
Come prima cosa dovete curare quotidianamente la vostra pelle, come detto nell’articolo precedente, con scrub, creme viso, contorno occhi, latte detergente, etc.
Invece passando alla base viso make up possiamo chiaramente dire che, in un buona e perfetta base viso, i prodotti che si usano sono: primer, fondotinta, correttore, cipria, blush, illuminante, terra/bronzer.
Andiamo ad analizzarli più nello specifico.
PRIMER
Il primer viso nasce fondamentalmente per rispondere alle esigenze  di tutte quelle persone che devono far reggere a lungo il make up senza incappare in problemi quali sbavature, lucidamenti e via discorrendo. Era già usato negli anni 80′ per la moda e le dive del cinema che avevano bisogno di un make up ben duraturo. Se la prima esigenza alla quale il primer doveva (e deve tutt’ora) rispondere era la durata del make up, la seconda è ancora più importante e spiega da sola il perché della sua formulazione a base, principalmente, siliconica. L’effetto da ricreare è infatti quello di una pelle liscia, di porcellana, perfetta.
COME SCEGLIERE UN PRIMER VISO
Scegliere il primer viso adatto al proprio tipo di pelle o ai propri bisogni potrebbe non essere cosa semplice. Il primer, siccome è piena di siliconi, si va ad utilizzare SOLO in occasioni importanti e non tutti i giorni. Ci sono varie tipologie di primer:
Primer viso riempitivi o filler. Sono i così detti riempitivi. Creano uno strato tale sulla pelle da minimizzare pori e segni dell’invecchiamento. Hanno un temporaneo effetto levigante che permette poi al fondotinta di aderire in modo perfetto,  creando un altrettanto perfetto risultato.
Primer viso illuminanti. Adatti ai visi spenti e privi di luce, secchi ed aridi, perfetti anche nella stagione estiva.
Primer viso opacizzanti. Per le pelli grasse o miste che tendono a lucidarsi facilmente potrebbero essere fondamentali, soprattutto in situazioni nelle quali il make up deve durare di più senza effetto lucido/unto. Solitamente sono oil free e hanno una consistenza gel.
Primer viso correttivi  (colorati). Sono quelli di ultima generazione. Colorati a seconda del “difetto” che devono nascondere, quindi ne potete trovare di gialli (antimacchie o zone scure), verdi (antirossori), aranciati (per pelli molto chiare, spente, quasi cadaveriche) o violacei (antigrigio). Da prestarci molta attenzione. Vanno dosati sapientemente e usati con sapienza.

Solitamente i primer viso hanno una consistenza molto leggera, alcuni si presentano direttamente sotto forma di gel. Questo permette al prodotto di asciugarsi e fissarsi rapidamente sul volto e non creare una barriera troppo spessa sulla pelle. Il miglior modo per stenderlo, va da sè, è l’uso delle dita. Da tenere presente è che la stragrande maggioranza dei primer per il viso (ma anche delle altre tipologie) sono composti da siliconi che non hanno un effetto propriamente benefico sull’epidermide in quanto ostruiscono i pori non lasciandola respirare. Questa è la ragione per la quale se ne consiglia un uso minore. Per proteggere un minimo la vostra pelle, v consiglio di non applicare un primer, senza prima applicare una crema giorno (o idratante).  Migliori marche: Laura Mercier, Benefit, Make Up For Ever, Pupa, Korres Face Primer o marche BIO.

Korres Face Primer

FONDOTINTA

Il fondotinta è una emulsione a consistenza variabile (fluida, cremosa, compatta) in cui sono dispersi pigmenti colorati. Il fondotinta, insieme alla crema base, è senza dubbio di fondamentale importanza per la tenuta del trucco. E’ inoltre necessario per neutralizzare eventuali discromie cutanee, come rossori, iperpigmentazioni, ecc, e rende la pelle più omogenea, modificando, grazie a giochi di chiaroscuri, i volumi del viso. E’ molto importante scegliere il fondotinta più adatto al proprio tipo di pelle. In linea generale, i fondotinta fluidi sono indicati per pelli normali/miste o grasse, quelli in crema risultano più adatti alle pelli secche e molto secche e sono spesso arricchiti da principi attivi idratanti e leviganti, mentre quelli compatti vanno bene per tutti i tipi di pelle. Inoltre, più il fondotinta e’ denso, maggiore e’ il suo effetto coprente. Quindi, se si preferisce un trucco naturale, meglio la formulazione fluida, mentre se si devono mascherare imperfezioni, meglio scegliere un fondotinta compatto o in crema. Il colore del fondotinta si sceglie in funzione del proprio incarnato, optando per un colore uguale o di una tonalità più chiaro, per evitare stacchi netti con il resto del corpo. E’ sconsigliabile cercare un effetto abbronzatura con un fondotinta di tonalità scura: l’effetto sarà sicuramente innaturale ed inevitabile la differenza con mani e decolletè. COME APPLICARLO? Fondotinta fluido o in crema: versarne una piccola quantità sul dorso della mano per riscaldarlo. Con la spugnetta o semplicemente con i polpastrelli sfumare il prodotto sul viso con movimenti dal centro verso l’esterno, facendo attenzione ai punti dove tende ad accumularsi, come all’attaccatura dei capelli, sul collo, agli angoli degli occhi e sui lati di naso e labbra. Per facilitare la stesura e migliorare la tenuta del trucco, la spugnetta può essere inumidita con un po’ di tonico, con acqua termale o con l’acqua del rubinetto.Per un trucco più leggero, si può mescolare il fondotinta con una goccia di fluido idratante e poi sfumarlo sul viso con la punta delle dita. Fondotinta compatto: applicarlo con una spugnetta asciutta se si desidera un effetto trasparente, o inumidita per un effetto più coprente. La tecnica di applicazione è la stessa, ovvero sfumare il prodotto sul viso con movimenti dal centro verso l’esterno, facendo attenzione ai punti dove tende ad accumularsi, come all’attaccatura dei capelli, sul collo, agli angoli degli occhi e sui lati di naso e labbra.

fondotintaimage101

CORRETTORE

Per un trucco perfetto, oltre a fard, cipria e fondotinta, nella vostra trousse non può mancare il correttore che elimina occhiaie e i fastidiosi inestetismi della pelle del viso, come rossori e acne. Innanzitutto, bisogna scegliere il tipo di correttore che più si adatta a voi: quello in stick è più indicato per che ha una pelle giovane, mentre quello liquido si adatta meglio alle pelli più mature, con qualche rughetta in più, perché non le evidenzia. Chi ha una pelle grassa, invece, è bene che utilizzi il correttore in polvere, per evitare lo scioglimento del trucco. La polvere può essere compatta, e allora bisogna utilizzare un pennello piatto, oppure libera, e allora è meglio utilizzare dei pennelli più morbidi. Il correttore in polvere ha una coprenza più leggera e può essere utilizzato sulle occhiaie non troppo evidenti.
Un’alternativa più naturale, che ha però gli stessi effetti coprenti, è quella del correttore minerale. Non contiene né siliconi né conservanti, come invece accade per i correttori tradizionali, ed è anche privo di ingredienti che occludono i pori e, per questo, può essere utilizzato anche su brufoli e piccole macchie. Ci sono modi diversi per applicare il correttore sul viso e la tecnica più adatta dipende principalmente dal tipo di correttore che si è scelto di utilizzare, ma anche dell’area da trattare.
Il correttore si usa infatti su zone specifiche, come un brufolo o una macchia, o zone un po’ più estese, come il contorno occhi e le palpebre.
In genere, si applica dopo essersi lavate la faccia e spalmate la crema idratante sul viso, ma c’è anche chi lo spalma dopo aver passato il fondotinta. Potete applicare il correttore con un piccolo pennello, in caso di zone limitate da trattare, picchiettando la punta sul correttore e sfumandolo con movimenti leggeri per evitare l’effetto “mattone”. Alla fine, fissate tutto con della cipria, senza esagerare.
Se la zona è più ampia potete utilizzare un pennello più grande o anche la punta delle dita. Nella maggior parte dei casi, in profumeria troverete correttori con un color carne. Ne esistono però delle varianti, come quelli verdi, arancio-gialli e violetti. Questi sono di grande aiuto per chi ha imperfezioni di colore della pelle che il fondotinta non riesce a mascherare bene. I correttori colorati vanno applicati al pari di quelli classici, dopo aver lavato il viso ed averlo idratato con l’apposita crema.
Il correttore verde è pensato per chi voglia nascondere il rossore della pelle determinato da brufoli o capillari spezzati. Il correttore giallo, invece, neutralizza la tinta violacea delle occhiaie senza dare un effetto troppo pesante come farebbe quello beige. Se le occhiaie tendono al blu, è meglio utilizzare un correttore arancio, mentre per ridare colore alla pelle e attenuare il colorito giallastro delle carnagioni olivastre (o di chi fuma troppo) è bene utilizzare il correttore viola o rosa. In estate è SCONSIGLIATO l’utilizzo del correttore, per un effetto antiestetico.

Deborah-Viso-Face_Perfect_Concealer_Palette

CIPRIA

La cipria è spesso un prodotto di cui non si capisce bene l’uso: c’è chi la confonde con la terra abbronzante, chi la applica al posto del fondotinta quando ha fretta, chi proprio non sa cosa farne! Invece incipriare bene il viso costituisce uno dei passaggi fondamentali per ottenere una base viso perfetta e quindi assolutamente indispensabile. È proprio la cipria infatti che ci permette di fissare il fondotinta per tutto il giorno ostacolando così il terribile “effetto lucido” che molto spesso si forma su fronte e naso. Questo perché il fondotinta e il correttore sono prodotti in crema e pertanto tendono a sciogliersi se non vengono “tamponati” con un prodotto in polvere. Per non parlare poi del fatto che è proprio la cipria che dona alla nostra pelle quel bell’effetto vellutato e setoso minimizzando i pori ed uniformando l’incarnato. Esistono molte ciprie in commercio, quasi tutte composte da minerali come mica, silica o talco e si possono presentare in polvere compatta o libera. È quindi importante saper scegliere quella che più si adatta alle nostre esigenze. La cipria in polvere compatta è sicuramente la più diffusa per la sua praticità; ha infatti una confezione, spesso dotata di piumino e specchietto, molto pratica da tenere in borsa. Questo tipo di cipria è colorata e quindi bisogna stare attente a scegliere un colore che sia il più simile possibile a quello del fondotinta che abbiamo applicato. È ottima per i ritocchi veloci fuori casa ma attenzione ad applicarne sempre poca alla volta altrimenti, data la polvere non particolarmente sottile, potrebbe tendere a stratificare e creare l’antiestetico effetto “infarinato”. La cipria in polvere libera invece è trasparente o solo lievemente colorata. Con questo tipo di cipria, data la sua polvere finissima ed impalpabile, otterremo sicuramente i migliori risultati perché non andremo ad alterare il colore del fondotinta e non rischieremo di creare strati di prodotto troppo spessi, anche ritoccando il trucco più volte: è infatti il tipo di cipria in assoluto più usato dai truccatori! L’unico inconveniente è che solitamente ha anche un costo più elevato di quella compatta.

cipria-donna

BLUSH

Il blush è quello che un tempo era conosciuto come fard, quel cosmetico che va a colorare guance e zigomi. Solitamente è di colore rosato, ma ci sono tantissime nuance tra le quali scegliere. Inoltre, fino a qualche anno fa in commercio se ne trovavano solo in polvere compatta mentre oggi è possibile trovarli in forma solida, liquida, cremosa e minerale. Il blush è ormai un elemento indispensabile per ogni donna, un prodotto di bellezza che non deve assolutamente mancare nel beauty perfetto. Il blush serve per far “arrossire” le nostre guance. Per applicarlo ci sono due metodi: con il pennello o con le dita. Il pennello si usa quando si usa un blush in polvere o compatto. Bisogna prendere poco prodotto, sorridere, ed applicarlo sugli zigomi vicino alla parte più vicina del naso. Invece, si consiglia l’uso delle dita quando si ha un blush in crema, in stick o liquido. Questi blush sono molto comodi ma vanno lavorati per bene, con lo stesso procedimento del pennello.

5502565a1dd27_-_07-elle-pink-blush-products-lg

ILLUMINANTE

Per ottenere un aspetto radioso e una pelle fresca e luminosa non può mancare nella nostra make up routine un tocco di illuminante sul viso. L’illuminante è un valido alleato per far risaltare i nostri lineamenti migliorandoli notevolmente. Partiamo col dire che l’illuminante è un prodotto per il make up dal colore chiaro e luminoso che, applicato in determinate zone del viso, va ad evidenziarle e renderle più prominenti. In commercio esistono un’infinità di illuminanti e, a seconda della tipologia, l’effetto che otterremo sarà diverso. Gli illuminanti possono avere diversi finish, ovvero diversi effetti sulla pelle. L’illuminante opaco, ovvero senza particelle riflettenti, è molto sobrio ed elegante ed è perfetto per l’utilizzo di giorno o per creare correzioni invisibili. L’illuminante opaco andrà a schiarire la zona in cui lo applicate senza però risultare esageratamente visibile. È il prodotto che si utilizza per realizzare il contouring correttivo. Consigliatissimo per il trucco sposa perché rende molto bene sia dal vivo che in fotografia. L’illuminante brillante invece riflette la luce quindi creerà dei bagliori più o meno luminosi sulla zona in cui lo andrete ad applicare. Regala sicuramente un bellissimo effetto di pelle sana ed idratata (che vediamo spesso sulle riviste) ma bisogna far attenzione a non eccedere. Riflettendo la luce in maniera così evidente lo sconsiglio sulle pelli mature o che presentano pori dilatati e brufoli, perché verrebbero evidenziati ulteriormente. Gli illuminanti, sia opachi che brillanti, possono presentarsi in polvere o in crema. Gli illuminanti in polvere hanno sicuramente una durata più elevata ma un effetto più artificiale sulla pelle, appunto perché più “polveroso”. Gli illuminanti in crema invece tendono a durare un po’ meno ma si fondono meglio con la grana della pelle, risultando quindi più naturali, quasi un tutt’uno con il viso. Come abbiamo detto, gli illuminanti sono dei prodotti molto chiari ma presentano comunque delle tonalità più o meno visibili. Abbiamo gli illuminanti dalle tonalità fredde, che sono tutti quei colori che vanno dal bianco perlato al rosa confetto. Questi colori sono perfetti per le pelli chiare con sottotono rosato. Poi abbiamo gli illuminanti caldi, che vanno dal bianco dorato al color champagne e che si sposano perfettamente con le pelli chiare dal sottotono giallo. Infine abbiamo gli illuminanti molto caldi, che vanno dall’oro al color caramello, che si adattano meglio alle pelli più ambrate. È semplicissimo, le zone del viso da mettere più in risalto sono lo zigomo, l’arcata sopraccigliare e l’arco di cupido. Se poi avete anche un naso e un mento piccolini potete aggiungere un tocco di illuminante anche in quelle zone.

 

TERRA / BRONZER

Spesso la terra viene considerata un cosmetico prettamente estivo. In realtà, da sola o insieme all’highlighter, la terra abbronzante è il cosmetico ideale per scolpire e dare tridimensionalità al viso con la tecnica del  contouring. La terra andrebbe applicata ai lati del viso con un movimento che simula la scrittura del numero 3. Si parte quindi dalla fronte con un movimento del pennello a semicerchio che si ferma sopra o sotto lo zigomo, per ripartire e fermarsi sul mento. Se volete poi potete passare un’altra leggera pennellata sui fianchi del naso e sul collo se notate stacco tonale.
Usata in questo modo la terra abbronzante si limiterà a scolpire il viso creando contrasti leggeri e eliminando l’effetto “appiattimento” del fondotinta, soprattutto su chi ne usa uno molto chiaro.
La terra non andrebbe invece usata su tutto il viso perché si rischia di avere un colorito artificiale e di invecchiare il proprio aspetto. Inoltre la terra si stende meglio se usata su una base e non sulla pelle “nuda”. Questo per evitare che si creino accumuli e conseguenti chiazze scure.
Ultima cosa: dopo avere applicato la terra non dimenticate di usare un leggero velo di blush sulle gote per dare un po’ di colore al viso e completare il trucco. Terra e blush sono cosmetici complementari: funzionano benissimo insieme. Io solitamente, utilizzo la terra di Diego Della Palma o Chanel Les Beiges per un make up high cost, invece per un make up low cost, preferisco utilizzare la terra abbronzante di Catrice o Wycon.

images

Questo articolo finisce qui, spero tanto che vi sia piaciuto. Per altre domande scrivete pure, rispondo a tutte! Vi mando un bacio grande, e vi ringrazio per il supporto.

XOXO, Aury.

Comments are closed.